PERCORSI GRAVEL

Percorso breve gravel - 33 km pianeggiante

Percorso pianeggiante che comprende parti non asfaltate, parte dal centro di Cesena e attraversa la zona del ferro di cavallo passando per la ciclovia del Savio e la ciclovia del Pisciatello.

Percorso medio gravel - 80 km x 940 mt di dislivello

Percorso della lunghezza di 80 km per 940 metri di dislivello, che si snoda tra segmenti di strade bianche, i cippi e monumenti che ricordano le stragi nazifasciste e i borghi teatro degli scontri sulla Linea Christa che portarono alla Liberazione.

Percorso lungo gravel con ritorno da Valle del Savio - 100 km x 1400 mt di dislivello

Percorso molto impegnativo, della lunghezza di 100 km per 1400 metri di dislivello, che si snoda tra segmenti di strade bianche, i cippi e monumenti che ricordano le stragi nazifasciste e i borghi teatro degli scontri sulla Linea Christa che portarono alla Liberazione.

Raccomandiamo di intraprendere il percorso solo in stato di ottima salute e con un allenamento consono alla difficoltà in termini di lunghezza e dislivello.

Percorso lungo gravel con ritorno da Montecodruzzo - 103 km x 1900 mt di dislivello

Percorso molto impegnativo, della lunghezza di 103 km per 1900 metri di dislivello, che si snoda tra segmenti di strade bianche, i cippi e monumenti che ricordano le stragi nazifasciste e i borghi teatro degli scontri sulla Linea Christa che portarono alla Liberazione.

Raccomandiamo di intraprendere il percorso solo in stato di ottima salute e con un allenamento consono alla difficoltà in termini di lunghezza e dislivello.

Di seguito una panoramica sui luoghi attraversati dal percorso gravel de La Resistente.

Gravel

Partenza: Centro Cesena

Viale Carducci 20: monumento ai Caduti per La Resistenza

Viale Carducci 20: monumento ai Caduti per La Resistenza

L’avventura della Resistente parte dal monumento ai Caduti della Resistenza di Viale Carducci, tra i Giardini Savelli e il Serraglio.
Su un’ampia piattaforma è posta la scultura di Ilario Fioravanti che raffigura una madre curva che sorregge il figlio partigiano ferito.
Lungo i bordi del basamento è riportata la poesia “Alle fronde dei salici” di Salvatore Quasimodo.

Chiosko Giardini Savelli

Timbro e carica di energie

Timbro e carica di energie

Il primo e l’ultimo luogo che incontrerete lungo tutti i percorsi è mitico e nel cuore di tutti i cesenati: il @chiosko_giardini_savelli
Potete scegliere se fermarvi a timbrare alla partenza o all’arrivo, in ogni caso oltre a timbrare la tessera di cicloresistenti, sapranno ristorarvi con le loro loverie (dolci e salate per ogni gusto) o con una meritata birretta!

Km 3: Primo segmento gravel

Ciclovia del savio: dentro al ferro di cavallo lungo il fiume Savio

Ciclovia del savio: dentro al ferro di cavallo lungo il fiume Savio

Fonte immagine: https://www.geaprogetti.it/portfolio/percorso-cicloturistico-lungo-il-fiume-savio/

Km 12: Bagnile
Km 16: San Giorgio

Via Montaletto 2934: Lastre commemorative sulla ex Casa del Popolo

Via Montaletto 2934: Lastre commemorative sulla ex Casa del Popolo

Da Bagnile si riparte su via Rovescio svoltando a destra in via San Giorgio lungo il quale si trova il cippo che ricorda Agapito Latini.
Dopo le scuole e la chiesa svoltiamo a sinistra in via Montaletto e sotto la tettoia del Bar Aurora (ex Casa del Popolo) troviamo le lastre commemorative che ricordano le vittime del nazifascismo a San Giorgio.

Km 20: Gattolino

Cippo ai caduti di Gattolino

Cippo ai caduti di Gattolino

Ripartiamo da San Giorgio e attraversiamo con cautela la via Cervese in località Calabrina, proseguiamo dritto alle successive due rotonde e ci troviamo di fronte al cippo che rappresenta la quarta tappa dove oltre a Gino e Urbano Sintoni, che ritroveremo più avanti tra le vittime della fucilazione alla Rocca di Cesena, vengono ricordate altre quattro vittime dei nazifascisti originarie di Gattolino.

Km 23: Ponte Ruffio

Cippo ai Caduti dell’eccidio di Ponte Ruffio

Cippo ai Caduti dell’eccidio di Ponte Ruffio

Lasciamo il cippo di Gattolino procedendo dritto sul cavalcavia in direzione Ponte Ruffio, superate due curve con poche pedalate raggiungiamo la rotonda su via Cesenatico oltre la quale troviamo il cippo che ricorda la strage di Ponte Ruffio.

Km 23: Secondo segmento gravel

Strada bianca lungo il torrente Pisciatello

Strada bianca lungo il torrente Pisciatello

Fonte immagine: https://www.corriereromagna.it

Km 30: Prima salita via del monte

Abbazia di Santa Maria del Monte

Abbazia di Santa Maria del Monte

L’Abbazia di Santa Maria del Monte sorge sul colle Spaziano, durante la seconda guerra mondiale accolse numerosi sfollati e subì un devastante bombardamento.

Km 33: Terzo segmento gravel
San Tomaso
Km 43: Sorrivoli

Il castello, la comunità, Ilario Fioravanti e la Casa dell’Upupa

Il castello, la comunità, Ilario Fioravanti e la Casa dell’Upupa

Sorrivoli, con il suo castello e la comunità che vi alberga, rappresenta un rifugio e una speranza. Un rifugio, dalla frenesia della città, e una speranza, che il mondo possa muoversi diversamente da come siamo abituati a credere. Siamo a 9 Km da Cesena, proprio sopra la Valle dell’Urgon, in mezzo a vigneti e orti. Arroccati sul crinale di una collina miriamo dall’alto la Romagna.
https://www.sorrivoli.it/

La Casa dell’Upupa, così denominata da alcune upupe che vi fanno il nido, si trova nella valle del fiume Savio ai piedi dell’antico castello di Sorrivoli. La casa fu acquistata negli anni ’60 da Ilario Fioravanti, architetto, scultore, disegnatore, incisore e scrittore, per crearvi il rifugio per sé e per le sue opere.

https://www.casedellamemoria.it/it/le-case-associate/ilario-fioravanti.html

Km 46: Quarto segmento gravel: le crete
Km 52: Rifugio bellico di Longiano

Scavato nella roccia di tufo al di sotto della rocca malatestiana per scampare ai bombardamenti

Scavato nella roccia di tufo al di sotto della rocca malatestiana per scampare ai bombardamenti

In cima a via Belvedere, la ripida salita che ci porta a Longiano ci troviamo di fronte all’ingresso del rifugio bellico di Longiano che attraversa completamente il borgo fino a sbucare dalla parte opposta.
Fu scavato nella primavera del 1944 all’avvicinarsi del Fronte come riparo dai bombardamenti degli Alleati; poteva contenere fino a duemila persone e a sua volta è separato dalla sovrastante piazza Malatestiana da oltre 20 metri di terreno. I lavori iniziarono dalla Porta del Ponte, per la vicinanza di un’aia in cui trasportare la terra. Il tracciato non è rettilineo, poiché lo scavo fu eseguito senza strumenti di precisione.
All’interno, ai lati della galleria, sono state scavate alcune nicchie per fornire ai nuclei famigliari un minimo di intimità. In una di queste nicchie sono custoditi reperti bellici ritrovati nel territorio.

Km 53: Castello Malatestiano di Longiano
Km 55: Family Farm Gobbi

La fattoria bike friendly

La fattoria bike friendly

Situata a metà percorso la Family Farm Gobbi è una occasione unica per gustare i sapori del territorio.
Olio, salumi e formaggi abbinati a miele e frutta spalmabile e ancora dolci artigianali e castagne al liquore, il tutto accompagnato da ottimi vini sangiovese superiore e pagadebit.
E’ consigliata la prenotazione ai numeri:
Nicolas +39 333 7947404
Giulia +39 349 4429680
https://familyfarmgobbi.com/it_it/blog/

Verso Sogliano

Il piccolo Stelvio: la ciocca e i suoi 18 tornanti

Il piccolo Stelvio: la ciocca e i suoi 18 tornanti

La Ciocca, conosciuta anche come Piccolo Stelvio, é caratterizzata da 18 tornanti che si susseguono l’uno all’altro per 2,8 km per una pendenza media attorno al 6% con brevi tratti al 12%.

Km 67: Sogliano

La ripida scalata fino a piazza Matteotti

La ripida scalata fino a piazza Matteotti

La pregevole opera Fontana delle Farfalle è stata ideata dall’artista Tonino Guerra e inaugurata nel 2003.
È divenuta uno dei simboli di Sogliano al Rubicone; rappresenta un grido contro l’orrore della guerra e un canto alla vita.
In una vasca circolare di marmo nero è adagiata una farfalla in mosaico, sopra la quale si intrecciano getti d’acqua. “Sopra un tappeto, arrivato in Romagna dal deserto africano, alcune farfalle vogliono staccarsi e prendere il volo” – Tonino Guerra.

Km 68: Quinto segmento gravel
Santa Maria Riopetra
Km 85: Montecodruzzo

Dove il mondo finisce

Dove il mondo finisce

“E mond e fnes a Montcudroz!”. Per i cesenati il mondo finiva qui. Una volta raggiunti si capisce bene il perché di questo modo di dire: è un luogo fuori dagli itinerari ordinari e si ha l’impressione che il tempo si sia fermato. Che un luogo così ameno sia stato quasi totalmente raso al suolo dai bombardamenti della seconda guerra mondiale è tanto incredibile, quanto il fatto che ancora oggi si continui a sganciare bombe.

Rocca Malatestiana di Cesena
Arrivo: Piazza del Popolo